Venice Apartment in SanMarco / Biennale District

Biennale Boutique Apartment

Venice, Veneto, Italy

In the historical and more venetian district of Venice, Castello, few minutes from San Marco Square, you can nestle in a warm apartment full of beauty and silence, looking out on a little and entra…

Vacation Rentals in Venice

reading “The Life-Changing Magic of Tidying Up”

MarieKondo-The Life-Changing Magic Of Tidyng Up

MarieKondo-IlMagicoPOtere del Riordino

reading “Form, Heft, Material”

edited by YALE University Press – Apr 14, 2015  –  296 p., 7 1/8 x 9 7/8  – 181 color + 58 b/w illus.

DA_COVER SECOND PRESENTATION_2

read more here.

reading “The Air from Other Planets”…

This fall, in my last visit to Chicago, I discovered in the Architecture Biennial by Chicago Cultural Center, this amazing book with a side point of view about what mean Architecture in the age of the Energy and the Communication, but even with a overview on the past. I recommend to read this Sean Lally’s book.     For more information you can read  here.

The_Air_from_other_Plantes_Cover

Identity & Reuse

From Factory to Dwelling

 “… I sometimes dream of a larger […] house… which shall still consist of only one room, a vast, rude, substantial, primitive hall, without ceiling or plastering, with bare rafters and purlins supporting a sort of lower heaven over one’s head — useful to keep off rain and snow, where the king and queen posts stand out to receive your homage, when you have done reverence to the prostrate Saturn of an older dynasty on stepping over the sill; a cavernous house […] where some may live in the fireplace, some in the recess of a window, and some on settles, some at one end of the hall, some at another, and some aloft on rafters with the spiders, if they choose; a house which you have got into when you have opened the outside door, and the ceremony is over; where the weary traveller may wash, and eat, and converse, and sleep, without further journey; such a shelter as you would be glad to reach in a tempestuous night, containing all the essentials of a house, and nothing for house-keeping; where you can see all the treasures of the house at one view, and everything hangs upon its peg, that a man should use; at once kitchen, pantry, parlor, chamber, storehouse, and garret […]. A house whose inside is as open and manifest as a bird’s nest, and you cannot go in at the front door and out at the back without seeing some of its inhabitants … ”         by    H.D. Thoreau, “Walden” or “Life in the Woods”, 1847.

VRGG1_Sala_2

Originally a tannery where hides were finished, of which the small chimney still stands, the building was completely restructured in the early 60’s to become a printing works; in 2011-2012, the warehouse and service areas were transformed into dwellings.

VRGG1_Sala_3

VRGG1_Sala_1

The designer’s idea was to leave the building an unfinished project, remaining faithful to the stratification/juxtaposition of past projects that left their mark through its life.

VRGG1_Camera

Time leaves its mark on architectural elements in a sort of “living sensuality” where man, the sentient being, interacts and models the spaces he inhabits; and where these same spaces in turn influence the minds and bodies of men. The architectural project involved the creation of an open space by demolishing some interior partitions, accepting the state of the exterior walls as they were, free of inhibitions, and without compromise. Blemishes, abrasions and peeling patches were left untouched, along with scratch marks where in some places the original plaster can now be seen, as can the 3-brick thick masonry and reinforced concrete stringcourses. Removing the reed wattle false ceiling left the roofing elements in full view: trusses, purlins, joists, battens and hollow tiles, simply cleaned and treated. The deliberately ‘open’ functional plan with a variety of uses, thanks to well-organized and simple space management, is punctuated by minimalist geometric volumes, hailing to a feeling of “here and now” in contrast with the elements of the past, of something unfinished, broken and cut short, or that which will no longer be. In a dialogic equilibrium, rigour and minimalist synthesis refer to languages of a certain synchronicity, contrasting with a more nostalgic dimension, which in some ways is even a little bohemian, with the walls ‘telling’ their own story, and all in all creating an unexpected although pleasantly informal effect.

VRGG1_Bagno

Elements of the most minute detail and parts deliberately left as-is or in any case unfinished, intertwine in an effect of reciprocal emphasis, creating a somewhat unprecedented harmony, rewriting the rules of custom.

VRGG1_Calorifero

Published on “VistaCasa” n.71 – December 2015

VISTAcasa - Copertina 71
                                                ——

Originariamente sede di un opificio per finissaggio pellami, del quale resta testimonianza la piccola ciminiera, il fabbricato, già completamente rimaneggiato ai primi degli anni settanta per accogliere un’azienda tipografica, nel 2011-2012 è stato interessato da un intervento di recupero con trasformazione degli spazi magazzino e servizi in abitazione.

Secondo le intenzioni di progetto l’edificio viene considerato come entità non finita mantenendone evidente la stratificazione/giustapposizione degli interventi susseguitisi nel corso della sua ‘vita’.

L’azione del tempo sugli elementi architettonici, rimanda a un concetto di “sensualità dell’abitare” dove l’uomo, inteso come corpo senziente, interagisce e modella gli spazi che abita e dove i medesimi influenzano a loro volta corpo e psiche. Il progetto architettonico ha previsto la creazione di uno spazio unitario attraverso la demolizione delle, seppur poche, partizioni interne, accettando, senza inibizioni né compromessi, lo stato delle pareti perimetrali. Imperfezioni, graffiature, scrostature sono state lasciate inalterate, insieme ai graffiti, dove per alcuni ambiti, è stato fatto riaffiorare l’originario intonaco, così come i corsi a tre teste della muratura e i cordoli in cemento armato. La rimozione del controsoffitto in arelle ha poi portato a vista gli elementi del tetto, composto in capriate, arcarecci, travicelli, correntini e tavelle che sono state oggetto di semplice ripulitura e trattamento. Il programma funzionale, volutamente ‘aperto’ a mutabili destinazioni d’uso, secondo un ordinato e semplice articolarsi degli spazi, è scandito da volumi geometrici d’ispirazione minimalista che rimandano ad un qui ed ora che si pongono in confronto a quegli elementi che invece evocano memoria di quello che fu, del non finito, dello spezzato e dell’interrotto, ovvero di quel che non sarà più. In un dialogico bilanciamento, il rigore e la sintesi minimalista affini ai linguaggi di una certa contemporaneità, si contrappongono a una dimensione più nostalgica, per certi versi anche un po’ bohémien, offerta dalle pareti che ‘trasudano’ il loro vissuto, generando nel complesso un effetto di inattesa piacevolezza e informalità.

Elementi di rigoroso dettaglio e parti lasciate volutamente com’era, o comunque grezze, si interallacciano in un effetto di reciproca enfasi e per certi versi inedita armonia, al di fuori dei consueti canoni.

 

“… Qualche volta sogno una casa più grande… Questa casa sarà composta da una sola stanza, un grande stanzon­­e primitivo, solido e rustico, senza controsoffitto e intonaco, con travi e traverse nude, che reggono sopra le vostre teste una sorta di basso cielo che vi protegge dalla pioggia e dalla neve, dove i pali regali del vostro baldacchino si mettano sull’attenti, quando una volta entrati voi rendete omaggio ad un Saturno strappato di un antico inquilino; una casa a dire poco cavernosa dove si può installarsi nel camino, o nell’anfratto di una finestra, ovunque nella stanza oppure in alto sulle travi con i ragni, ovunque a noi piaccia.
Una casa dove le cerimonie finiscono una volta entrati. Là dove il viaggiatore stanco può, senza più affaticarsi, lavarsi, mangiare, raccontare, e dormire, un rifugio che sarete felici di trovare in una notte di tempesta, una casa che contiene l’essenziale e nulla per governarla. Con il solo sguardo vedrete tutti i tesori della casa, tutto ciò che vi serve è lì, a portata di mano, sarà cucina, armadio, camera da letto, magazzino e granaio. Che voi entriate dalla porta anteriore o usciate da quella posteriore non potete evitare di vedere se qualcuno è in casa. L’intérieur è aperto e manifesto come un nido di uccelli. … ”
di H.D. Thoreau, Walden. Vita nei boschi, 1847.
* riferimento così come citato in “Cosmologia Portatile” di Italo Rota

Children’s Educational Room

The project for a “Children’s Educational Room” has been developed for an institutional corporate body about “Energy and Sustainability“.

Smooted geometry shape light laminated wood panels for the benches and also the desk for a low-budget realisation.

CEC5_EducationalRoom_2CEC5_EducationalRoom_1CEC5_EducationalRoom_3 CEC5_EducationalRoom_4 CEC5_EducationalRoom_5

Click  here  and  here  to Read More  about the Institutional Authority Promotor.

the “Thermo Home”

“Thermo Home” is a project developed for an institutional authority about Energy and Sustainability. It is addressed to the sensitisation of children on this theme and it is built with different panels in different materials each with own heat  transmission.

CEC5_ThermoHome_4

CEC5_ThermoHome_1

A Thermo Camera, located in proximity of the thermo house, record every thermo change on the panels surfaces (wood, steel, copper, insulation, aluminium, glass) and then child can discover the heat time-transmission from their hands on each one.

CEC5_ThermoHome_6

CEC5_ThermoHome_3 CEC5_ThermoHome_2

Click  here  and  here  to Read More  about the Institutional Authority Promotor.

Fitting BS Ceramiche Battocchio at Milan Furniture Fair 2015

Bscl1

Il 2015 di BS Battocchio vuole coinvolgere gli art lover internazionali in una esperienza intensa e sorprendente: alla consolidata collaborazione con importanti designer di ceramiche, per offrire una gamma di prodotti sempre in linea con le tendenze dell’Home Décor, si unisce il ridisegno dell’identità visiva dell’azienda con allestimenti curati dall’architetto Luca Missio, che ormai da due anni valorizzano, contestualizzano ed enfatizzano la preziosa e accurata selezione di oggetti in mostra facenti parte del più completo catalogo Ceramiche BS.

Bscl2

Bscl3

Bscl4Bscl5

Reading : Lost in Space

Ed. by Feddersen, Eckhard / Lüdtke, Insa
http://www.degruyter.com/view/product/212953
Lost in Space - Architecture and Dementia
Dementia presents immense challenges – both for individuals as well as for society as a whole. More than 35 million people all over the world currently live with dementia, a number that is expected to double by 2050. This also has implications for architecture and urban planning because dementia often affects people’s sense of orientation and their ability to perceive space. How can homes, apartments, public buildings, outdoor spaces, neighbourhoods and cities, as well as environments and infrastructure, be designed to meet the needs of people with dementia as well as those of their caregivers? And can a consideration of the problems of dementia lead to a better understanding of space that can improve architecture and the built environment for us all? This book addresses these and other questions in a series of professionalessays that examine the specific requirements for different disciplines. In addition, international case study projects illustrate the breadth of current actual solutions. The book is intended as a guide for all those involved in the design and planning process – architects, interior designers, engineers, town planners, local authorities and clients – and as a reader for the users themselves: for people with dementia, their family andfriends, and all those in their social environment.

Sun Buildings for an African Boutique Hotel – Benin

Btq17

Nel corso della storia l’uomo ha da sempre esplorato nuove modalità per imbrigliare l’energia solare al proprio servizio, ma è solo con i tempi recenti, con la scoperta delle fonti di energia fossile, più “comode” e “competitive”, che si è via via persa questa capacità  peraltro testimoniata dagli splendidi esempio di architetture che ci sono giunte dal passato e che sono testimonianza di una attenta conoscenza e risposta alle rispettive condizioni climatiche. Abbiamo testimonianza di sistemi di “climatizzazione” in raffrescamento passivo già dalla civiltà egizia ma questi sono stati soppiantati da sistemi attivi.

Btq3

Nello sviluppo di un progetto commissionato per un Boutique Hotel in Africa nel Benin, ho voluto indagare proprio queste tecniche di costruire sistemi passivi che, nel caso di climi tropicali e quindi caldi, non implica la necessità di mantenere calore all’interno come alle nostre latitudini, ma bensì mantenere temperature interne basse facendo sì che le strutture non accumulino calore durante le ore di esposizione al sole e che ne rilascino velocemente quello eventualmente accumulato nelle ore notturne. Il layout planimetrico e compositivo dell’insediamento è stato regolato quindi dall’andamento del sole, e delle ombre proiettate, nonché in primis dallo studio dei venti dominanti e statisticamente studiati, permettendo alle brezze notturne e mattutine di accarezzare le stanze da letto ed invece proteggere i locali giorno dalle correnti calde del giorno.

Btq4

Btq5

Non in secondo piano, la riflessione sulla “forma” ed i materiali da adottare cercando di non lasciarsi influenzare alla troppo facile tentazione di ‘esportare’ i modi e linguaggi architettonici moderni dell’emisfero nord, e invece leggendo ed ascoltando gli elementi e le architetture del luogo onde poter esprimere, seppure in chiave reinterpretata, quel “genius loci” presente in ogni regione. Da una posizione di ascolto e studio, per ‘imparare’ anziché insegnare, il progetto si è delineato con elementi di valenza quali il tetto a falde di paglia (soluzione ottimale per la schermatura solare) o gli spazi  preparazione del cibo: un cono in terra battuta che si identifica anche come elemento iconico ma che fondamentalmente si isola dagli altri spazi funzionali e che permette l’espulsione naturale dei gli odori per l’effetto camino del sistema (dispensa al piano basso, preparazioni e cotture al piano intermedio e barbecue al piano alto). Le camere degli ospiti, sopraelevate e accessibili da passerelle, godono di doppie aperture sui due fronti permettendo sia alle brezze notturne (da nord-ovest) e sia ai venti diurni (da sud-ovest) di ventilare gli ambienti consentendone un comfort senza necessità di sistemi attivi.

Btq2

L’insediamento è stato pensato energicamente autonomo con pannelli fotovoltaici posizionati sulla copertura piana degli alloggi ospiti, in modo da non ricevere ombre dalle vegetazioni limitrofe e nel contempo formare una contro-copertura che schermi dalle radiazioni solari il sottostante solaio che diviene pertanto ventilato consentendo di mantenere basse le temperature e limitare al minimo la radiazione dei sottostanti locali.

Btq1

Il Boutique Hotel avrà la prerogativa di essere anche l’abitazione per i committenti e conseguentemente lo studio sulla disposizione degli ambiti funzionali ha risposto anche all’esigenza di una certa “separatezza” tra zone più propriamente private, zone invece liberamente pubbliche agli ospiti e quindi zone ibride o di “cerniera” (esempio: gli spazi cottura).

Btq15

Btq11

Btq12

Btq13

Btq16

Btq10

Btq14

Btq0