Category Archives: achievements

realisation, awareness

Reinventing Granny’s Cupboard

If your home has a kitchen-living room open space, you can rethink the kitchen corner SMART just like granny !
The kitchen appearance in an original and unprecedented way: less kitchen and more living.

An UFO in the Dining Room

UFO Table (by EmmeMobili) in personalised finishes (top in wood wengé and bottom in lacquered opaque withe) combined with four leather FEBO Chairs (Maxalto) in a kitchen dining area.

GRLN_ufo1

GRLN_ufo2

Cabinet Under Sink

Designed and realised for a private apartment in a minimalist geometry with outer in gray oak veneer,  inner unit in withe lacquered and drawer natural in marine plywood.

GRLN_bgno1

GRLN_bgno2

GRLN_bgno3

GRLN_bgno4

 

 

Fitting BS Ceramiche Battocchio at Milan Furniture Fair 2016

Salone02The new CERAMICHE Battoccio collection rediscovers the pleasure of spring that, trembling with butterflies and flowers, breathes softly on our skin.  Introduced during the 2016 ‘Salone del Mobile e del Complemento,’ Battocchio’s new vases make their way from the beautiful interior of a home into the outdoor sun with a fresh and unique affirmation of life. Forms and voids are emphasized by lights that touch our emotions, unite in a new balance between inside and outside and bring us their gifts of warmth and instinct in every context. Salone01

This new Ceramic Collection removes all sharp edges from our existential experience to experiment with a renewed desire to move from the house into the garden, opening us up to feelings full of life and the blossoming of new forms. ‘Butterflies’ paint a wall of heightened energy, air whispers the breath of the vase through holes that capture the charm of the event, while the new big vase ‘Calle’ makes the blossoming of this new season clear and sweet. From a single piece, Battocchio Collection moves towards the expressive creation of designs that are born of the composition of the products in the catalogue. ‘Butterflies’ take flight, re-arranged for a pictorial effect that makes the wall more beautiful. Vases with sinuous lines and lit from inside warm day and night time with a ritual-like light, as is typical of Ceramiche Battocchio, while other pieces have the power to lengthen our days and redeem a place in our homes. The music of a smart phone can live through modeled and fired clay – the music of a cell phone put on a Ceramiche Battocchio tube warms up and yields just like when it was first written. The malleable art of ceramics opens windows and, like a sweet breeze, slides from beautiful interiors to the fresh out-of-doors and back, again, rediscovering the immortal cycle of the seasons and bringing joyous happiness.Salone03

IMG_4982_

Identity & Reuse

From Factory to Dwelling

 “… I sometimes dream of a larger […] house… which shall still consist of only one room, a vast, rude, substantial, primitive hall, without ceiling or plastering, with bare rafters and purlins supporting a sort of lower heaven over one’s head — useful to keep off rain and snow, where the king and queen posts stand out to receive your homage, when you have done reverence to the prostrate Saturn of an older dynasty on stepping over the sill; a cavernous house […] where some may live in the fireplace, some in the recess of a window, and some on settles, some at one end of the hall, some at another, and some aloft on rafters with the spiders, if they choose; a house which you have got into when you have opened the outside door, and the ceremony is over; where the weary traveller may wash, and eat, and converse, and sleep, without further journey; such a shelter as you would be glad to reach in a tempestuous night, containing all the essentials of a house, and nothing for house-keeping; where you can see all the treasures of the house at one view, and everything hangs upon its peg, that a man should use; at once kitchen, pantry, parlor, chamber, storehouse, and garret […]. A house whose inside is as open and manifest as a bird’s nest, and you cannot go in at the front door and out at the back without seeing some of its inhabitants … ”         by    H.D. Thoreau, “Walden” or “Life in the Woods”, 1847.

VRGG1_Sala_2

Originally a tannery where hides were finished, of which the small chimney still stands, the building was completely restructured in the early 60’s to become a printing works; in 2011-2012, the warehouse and service areas were transformed into dwellings.

VRGG1_Sala_3

VRGG1_Sala_1

The designer’s idea was to leave the building an unfinished project, remaining faithful to the stratification/juxtaposition of past projects that left their mark through its life.

VRGG1_Camera

Time leaves its mark on architectural elements in a sort of “living sensuality” where man, the sentient being, interacts and models the spaces he inhabits; and where these same spaces in turn influence the minds and bodies of men. The architectural project involved the creation of an open space by demolishing some interior partitions, accepting the state of the exterior walls as they were, free of inhibitions, and without compromise. Blemishes, abrasions and peeling patches were left untouched, along with scratch marks where in some places the original plaster can now be seen, as can the 3-brick thick masonry and reinforced concrete stringcourses. Removing the reed wattle false ceiling left the roofing elements in full view: trusses, purlins, joists, battens and hollow tiles, simply cleaned and treated. The deliberately ‘open’ functional plan with a variety of uses, thanks to well-organized and simple space management, is punctuated by minimalist geometric volumes, hailing to a feeling of “here and now” in contrast with the elements of the past, of something unfinished, broken and cut short, or that which will no longer be. In a dialogic equilibrium, rigour and minimalist synthesis refer to languages of a certain synchronicity, contrasting with a more nostalgic dimension, which in some ways is even a little bohemian, with the walls ‘telling’ their own story, and all in all creating an unexpected although pleasantly informal effect.

VRGG1_Bagno

Elements of the most minute detail and parts deliberately left as-is or in any case unfinished, intertwine in an effect of reciprocal emphasis, creating a somewhat unprecedented harmony, rewriting the rules of custom.

VRGG1_Calorifero

Published on “VistaCasa” n.71 – December 2015

VISTAcasa - Copertina 71
                                                ——

Originariamente sede di un opificio per finissaggio pellami, del quale resta testimonianza la piccola ciminiera, il fabbricato, già completamente rimaneggiato ai primi degli anni settanta per accogliere un’azienda tipografica, nel 2011-2012 è stato interessato da un intervento di recupero con trasformazione degli spazi magazzino e servizi in abitazione.

Secondo le intenzioni di progetto l’edificio viene considerato come entità non finita mantenendone evidente la stratificazione/giustapposizione degli interventi susseguitisi nel corso della sua ‘vita’.

L’azione del tempo sugli elementi architettonici, rimanda a un concetto di “sensualità dell’abitare” dove l’uomo, inteso come corpo senziente, interagisce e modella gli spazi che abita e dove i medesimi influenzano a loro volta corpo e psiche. Il progetto architettonico ha previsto la creazione di uno spazio unitario attraverso la demolizione delle, seppur poche, partizioni interne, accettando, senza inibizioni né compromessi, lo stato delle pareti perimetrali. Imperfezioni, graffiature, scrostature sono state lasciate inalterate, insieme ai graffiti, dove per alcuni ambiti, è stato fatto riaffiorare l’originario intonaco, così come i corsi a tre teste della muratura e i cordoli in cemento armato. La rimozione del controsoffitto in arelle ha poi portato a vista gli elementi del tetto, composto in capriate, arcarecci, travicelli, correntini e tavelle che sono state oggetto di semplice ripulitura e trattamento. Il programma funzionale, volutamente ‘aperto’ a mutabili destinazioni d’uso, secondo un ordinato e semplice articolarsi degli spazi, è scandito da volumi geometrici d’ispirazione minimalista che rimandano ad un qui ed ora che si pongono in confronto a quegli elementi che invece evocano memoria di quello che fu, del non finito, dello spezzato e dell’interrotto, ovvero di quel che non sarà più. In un dialogico bilanciamento, il rigore e la sintesi minimalista affini ai linguaggi di una certa contemporaneità, si contrappongono a una dimensione più nostalgica, per certi versi anche un po’ bohémien, offerta dalle pareti che ‘trasudano’ il loro vissuto, generando nel complesso un effetto di inattesa piacevolezza e informalità.

Elementi di rigoroso dettaglio e parti lasciate volutamente com’era, o comunque grezze, si interallacciano in un effetto di reciproca enfasi e per certi versi inedita armonia, al di fuori dei consueti canoni.

 

“… Qualche volta sogno una casa più grande… Questa casa sarà composta da una sola stanza, un grande stanzon­­e primitivo, solido e rustico, senza controsoffitto e intonaco, con travi e traverse nude, che reggono sopra le vostre teste una sorta di basso cielo che vi protegge dalla pioggia e dalla neve, dove i pali regali del vostro baldacchino si mettano sull’attenti, quando una volta entrati voi rendete omaggio ad un Saturno strappato di un antico inquilino; una casa a dire poco cavernosa dove si può installarsi nel camino, o nell’anfratto di una finestra, ovunque nella stanza oppure in alto sulle travi con i ragni, ovunque a noi piaccia.
Una casa dove le cerimonie finiscono una volta entrati. Là dove il viaggiatore stanco può, senza più affaticarsi, lavarsi, mangiare, raccontare, e dormire, un rifugio che sarete felici di trovare in una notte di tempesta, una casa che contiene l’essenziale e nulla per governarla. Con il solo sguardo vedrete tutti i tesori della casa, tutto ciò che vi serve è lì, a portata di mano, sarà cucina, armadio, camera da letto, magazzino e granaio. Che voi entriate dalla porta anteriore o usciate da quella posteriore non potete evitare di vedere se qualcuno è in casa. L’intérieur è aperto e manifesto come un nido di uccelli. … ”
di H.D. Thoreau, Walden. Vita nei boschi, 1847.
* riferimento così come citato in “Cosmologia Portatile” di Italo Rota

Unusual Bathroom

Beijing: redevelopment for Upper East Side Store System

Project and Realization on a Commercial Facade Refurbishment in Beijing Upper East Side

Container Stair

Scala integrata con contenitore a cassettoni e ante….

VERTIGINI – Mostra di Architettura a San Donà di Piave

Segnali da un Nuovo Mondo

020100_MST_VRTG_1_0

Vertigini!? Quali vertigini? La vertigine di chi perde l’equilibrio? di chi Ë salito troppo in alto? di chi è rimasto sbalordito da qualcosa di immane, di sublime? E perché questa vertigine? Perché si prova a stare sul bordo di un abisso? perché improvvisamente si guarda il mondo attraverso un caleidoscopio? Forse è la vertigine di Alice che cadendo nella tana perde la misura? o quella del capitano Achab nel vedere la schiena inarcata della grande balena bianca che si inabissa nel mare? o quella dei personaggi di Dostoevskij quando guardano negli occhi il male? Forse è la vertigine che l’artista sente quando la sua opera è “finita”?

E’ sintomatico che dei giovani architetti abbiano voluto chiamare la loro prima mostra VERTIGINI.

Quale è la loro vertigine? Leggiamo i loro testi.

Luca Missio. E’ la metropoli. Nel suo caso Manhattan a New York. E’ qui che abita un ordine, una ragione, la griglia urbana illuminista, reificante, strumento che annulla “diversità e varietà”. Ebbene, innalzandosi verso il cielo con i suoi grattacieli questa ragione sembra aprirsi all’imprevedibile (Ecco la vertigine!) nel quale siamo destinati a vivere (ad abitare, scrive Missio) nel nuovo tempo del Web, così astratto, atopico, rizomatico.

Oltre la metropoli non c’è altro che la metropoli e all’artificiale non si contrappone più il naturale, ma altra artificialità. La nuova città non può più avere, nella totalità dello sprawl, un territorio vergine nel quale ritualizzare la propria fondazione, puù solo vampirizzare l’esistente tecnologico. Il dato archetipale è la stessa artificialità che preesiste a se stessa, nel tempo della tecnica. Abitare in questo tempo significa convivere con la vertigine imparando ad orientarsi nel vertiginoso … ed in esso costruire per abitare e abitare per costruire.

020100_MST_VRTG_1_1

Antonella Indrigo e Sara Merizzi. La vertigine qui è nel frammento, quel frammento che oggi ha perso l’aura benjaminiana per assumere quella del frattale, lo “smarrimento del frattale”, scrivono. Non c’Ë nel progetto di Antonella e Sara – un museo dedicato a Piranesi – nessun cedimento romantico all’estetica del frammento. Quel cedimento che fa esclamare ad alcuni pateticamente :” Poveri noi! Nati in un tempo in cui tutto è frammento, orfani del TUTTO e quindi del senso come dei valori ….” Antonella e Sara decostruiscono (incontrando così il frammento) e ricostruiscono il meccanismo stesso della frammentazione. Partono da una unità, la frammentano e la dislocano in luoghi altri, lontani tra loro. Producono così un tutto virtuale, altra parola del cosa ma la relazione tra le sue parti come se il possibile fruitore fosse dotato di una sorta di nuova memoria che si costruisce nel mettere in relazione tra loro gli spazi; una memoria capace di connotare gli spazi nella ubiquità dislocando così di volta in volta lo stesso soggetto … come se tempo e spazio confluissero per permettere una nuova capacità cognitiva e con questa delle nuove sensazioni del mondo e per il mondo.

Stefano Milani. Il luogo della vertigine Ë Venezia. Si dir‡, allora, che ciò è dovuto al carattere della città stessa, al suo essere liquida, labirintica, fondamentalmente improbabile. Non così per Stefano Milani. A produrre la vertigine non sono le cose, non è il mondo, ma il suo stesso sguardo sul mondo. Uno sguardo intimamente e nel contempo oggettivamente decostruttore. La decostruzione sembra darsi non come un atto di volontà, come esito di una qualche filosofia, ma come una condizione stessa del bios. Scrive Stefano Milani: ” … si Ë tentato un approccio al fenomeno attraverso una decostruzione macchinica dello sdoppiamento esistente tra le categorie interpretative soggetto/oggetto, reale/immaginario, sensibile/intelligibile assunte dal pensiero moderno” E’ come se la vertigine si fosse installata (sic!) in quella parte del nostro cervello che regola il sistema binoculare permettendo alla visione retinica di sospendere lo spazio e il tempo. E’ come se questo sguardo fosse l’esito di una mutazione genetica: E’ cosÏ che Venezia (ma vale per qualsiasi altro fenomeno) può essere vista come un “blocco di sensazioni”, come un evento e non pi˘ come un dato. Forse questo sguardo è vertiginoso perché nel vuoto genera panorami o sguardi che aprono alla possibilità di nuove “essenze” ( così nel testo), in realtà aggiungo nuovi mondi.

020100_MST_VRTG_1_2

Tre diversi modi della vertigine, con alcuni aspetti in comune.

Segnaliamoli: nessuna autocompassione di fronte alla vertigine, anzi essa non viene avvertita come un disagio, ma come una risorsa. Il progetto di architettura Ë mentale e ,in questo, potenziale. Lavorano sulla concettualità prima che sulla fattualità (senza contrapporre concettualià e fattualità). La virtualità viene pensata come una possibile estensione della stessa capacità percettiva quindi come una nuova estetica, sempre ricordando che estetica deriva dal greco aisthesis, cioè percezione sensibile. Il futuro (e quindi il progetto) viene continuamente ricondotto al presente in quanto, appunto, virtuale. Ciò che è fondamentale è far nascere il testo architettonico dal contesto cioè dalle infinite relazioni dell’esistente che nel contesto “prendono forma”.

Tutti sintomi che segnalano l’esitenza di una generazione che opera oramai oltre al primato della storia, che riduce passato e futuro al presente, che non ha più bisogno dell’utopia per prefigurare il possibile, che intende mettersi continuamente in “rete”, che è disposta a mettere in discussione la propria stessa capacità di percepire il mondo. Una generazione che prova a pensare e a fare al di là della dicotomia tra naturale e artificiale, perché cosciente che tutto si è antropizzato, tutto è nell’artificio, un artificio non più meccanico, ma definitivamente bitico.

Testo di Presentazione: prof. Roberto Masiero

Rilievo e Restituzione Ponte Carlo Scarpa a Venezia

Lavoro sviluppato nell’ambito della collaborazione con lo studio SAT Survey – Mestre VE.

020120_SAT_PNTS_1_4 020120_SAT_PNTS_1_3 020120_SAT_PNTS_1_2 020120_SAT_PNTS_1_1